The Seat of Self and Consciousness in the Brain: A Buddhist Perspective

The Seat of Self and Consciousness in the Brain: A Buddhist Perspective

Brain5

Clicca qui per Italiano

In recent decades there have been major advances in scientific understanding of the human brain. To a large extent these advances have been driven by new neuroimaging technologies that have provided neuroscientists with increasingly refined images or maps of the brain. One specific arm of neuroscientific research has made use of these neuroimaging techniques in order to try to identify the neurological seat of the self or consciousness. Today’s post briefly highlights some of the key findings of this research and discusses them in relation to core Buddhist principles concerning the manner in which the self is believed to exist.

Neuroimaging studies exploring how and where the brain processes information concerning the self have identified associations between certain self-related cognitive processes and the activation of specific areas in the brain. For example, self-referential memories (i.e., memories concerning the self) are associated with increased activation of the medial prefrontal cortex. A further example is the role played by the left cerebral hemisphere in the regulation of self-recognition (i.e., an individual’s ability to recognize itself in, for example, a reflection or visual image).

The ability to distinguish between self and other is a key aspect of adaptive psychosocial functioning and it therefore makes logical sense that there exist areas within the brain that play a role in processing information concerning the “self”. However, despite the fact that neuroimaging studies have provided some valuable data in terms of brain areas that correspond to self-referential processes, the activation of such brain areas does not equate to the location of consciousness or the nucleus of an inherently existing self. Rather, neuron activation in these brain areas simply demonstrates that most individuals have a pronounced sense of self.

According to the Buddhist teachings, there is an ocean of difference between individuals having a sense of self and there actually being a self that inherently exists. Buddhism accepts that a sense of self is essential if society is to function effectively. For example, most elucidations of the practices of loving-kindness and compassion – two core aspects of the Buddhist teachings – are based on the assumption that there is both a giver (i.e., self) and a receiver (i.e., other). If the historical Buddha didn’t have a sense of self that allowed him to identify that his level of spiritual insight was in some way different than most of his followers, then it is reasonable to assume that he would not have felt the need to expound a path to overcome suffering and ignorance.

However, although beings at the stage of enlightenment have a sense of self (and understand fully that this sense of self is necessary if they are to effectively function in the world), they are also fully aware that the “self” is an illusion. The reason why Buddhism teaches that the self is an illusion relates to the principle of emptiness which asserts that beings (and all phenomena) exist only as interdependent and mentally designated constructs. For example, a flower manifests in dependence upon the water and air in the atmosphere, heat of the sun, seed from which it grew, nutrients in the soil, insects and animals that died and decomposed in order to produce those nutrients, and so forth. Consequently, the flower does not exist in isolation of all other phenomena and it is empty of an independent and inherently existing self. Thus, as we discussed in our Zen-style post on Dream or Reality, phenomena certainly appear to be real but the manner in which they are perceived does not actually equate to the manner in which they truly exist.

Enlightened and unenlightened beings both have a sense of self, but a key difference between these two types of being is that the latter is caught up in the belief that they inherently exist. As we discussed in our post on Deconstructing the Self, due to a firmly-embedded (yet scientifically and logically implausible) belief that the self is an inherent and independently existing entity, Buddhism asserts that afflictive mental states arise as a result of the imputed “self” incessantly craving after objects it considers to be attractive or harbouring aversion towards objects it considers to be unattractive. As part of our academic work we have termed this condition ontological addiction and have defined it as “the unwillingness to relinquish an erroneous and deep-rooted belief in an inherently existing ‘self’ or ‘I’ as well as the ‘impaired functionality’ that arises from such a belief”.

The idea that at the ultimate level there is no such thing as a self that intrinsically exists may be a difficult notion to digest. However, scientific experiments have recently been conducted that appear to add credence to the validity of emptiness. For example, a study published in the journal Nature in 2010 demonstrated that a minute metal blade of semi-conductor material can be made to simultaneously vibrate in two different energy states. This is the kinetic equivalent of matter being in two different places at the same time and it demonstrates that at the sub-atomic level, particles (and any property of self that they might possess) can never be absolutely located in time and space (i.e., they exist nowhere and everywhere at the same time).

Using neuroimaging techniques in order to explore where and how we regulate self-referential processes is important for advancing scientific understanding about the human brain. However, from the Buddhist perspective, consciousness and self are absent of intrinsic existence and they abide just as much within the brain as they do outside of it. Therefore, according to Buddhist theory, attempts by some scientists to identify the specific location of self or consciousness in the brain might be considered a somewhat futile endeavour.

 

Ven Edo Shonin & Ven William Van Gordon

Further Reading

Kelley, W.T., Macrae, C.N., Wyland, C., Caglar, S., Inati, S., & Heatherton, T.F. (2002). Finding the self? An event-related fMRI study. Journal of Cognitive Neuroscience, 14, 785-794.

Heatherton, T. F., Macrae, C. N., & Kelley, W. M. (2004). What the social brain sciences can tell us about the self. Current Directions in Psychological Science, 13, 190-103.

O’Connell, A.D., Hofheinz, M., Ansmann, M., Bialczak, R.C., Lenander, M., Lucero, E. …. & Cleland, A.N. (2010). Quantum ground state and single-phonon control of a mechanical resonator. Nature, 464, 697-703.

Shonin, E., & Van Gordon, W. (2014). Dream or reality? Philosophy Now, 104, 54.

Shonin, E., & Van Gordon, W. (2014). Searching for the Present Moment. Mindfulness, 5, 105-107

Turk, D. J., Heatherton, T.F., Kelley, W.M., Funnell, M.G., Gazzaniga, M.S., & Macrae, C. N. (2002). Mike or me? Self-recognition in a split-brain patient. Nature Neuroscience, 5, 841–842.

Shonin, E., & Van Gordon, W. (2015). The lineage of mindfulness. Mindfulness, 6, 141-145.

Shonin, E., Van Gordon, W., & Griffiths, M. D. (2013). Meditation as medication: Are attitudes changing? British Journal of General Practice, 63, 654.

Van Gordon, W., Shonin, E., & Griffiths, M. (2015). Towards a second-generation of mindfulness-based interventions. Australia and New Zealand Journal of Psychiatry, 49, 591-591.

Shonin, E., Van Gordon, W., Compare, A., Zangeneh, M., & Griffiths, M. D. (2015). Buddhist-derived loving-kindness and compassion meditation for the treatment of psychopathology: A systematic review. Mindfulness, 6, 1161-1180.

Shonin, E., & Van Gordon, W. (2013). Searching for the present moment, Mindfulness, 5, 105-107

La sede del Sé e della coscienza nel cervello: una prospettiva buddista

Brain5

Negli ultimi decenni ci sono stati grandi progressi nella comprensione scientifica del cervello umano. Per la maggior parte questi progressi sono stati guidati dalle nuove tecnologie di neuroimaging che hanno fornito ai neuroscienziati immagini o mappe sempre più raffinate del cervello. Un ramo specifico della ricerca neuroscientifica ha fatto uso di queste tecniche di neuroimaging per cercare di identificare la sede neurologico del sé o della coscienza. Il post di oggi, in breve, mette in evidenza alcuni dei principali risultati di questa ricerca e li discute in relazione ai principi buddisti fondamentali, riguardante il modo in cui si crede che il sé esista.

Gli studi di neuroimaging, esplorando dove e come il cervello elabora le informazioni riguardanti il sé, hanno identificato associazioni tra determinati processi cognitivi sé-correlati e l’attivazione di specifiche aree del cervello. Ad esempio, le memorie autoreferenziali (cioè, i ricordi riguardanti il sé) sono associati a una maggiore attivazione della corteccia prefrontale mediale. Un altro esempio è il ruolo svolto dall’emisfero cerebrale sinistro nella regolazione dell’auto-riconoscimento (cioè, la capacità dell’individuo di riconoscersi, ad esempio, in una riflessione o immagine visiva).

La capacità di distinguere tra sé e l’altro è un aspetto fondamentale del funzionamento psicosociale adattivo e ha quindi senso logico che esistano aree all’interno del cervello che svolgono un ruolo nell’elaborazione delle informazioni concernenti il “sé”. Tuttavia, nonostante il fatto che gli studi di neuroimaging abbiano fornito alcuni dati importanti in termini di aree cerebrali che corrispondono a processi auto-referenziali, l’attivazione di tali aree cerebrali non equivale alla posizione di coscienza o al nucleo di un sé inerentemente esistente. Piuttosto, l’attivazione dei neuroni in queste aree del cervello dimostra semplicemente che la maggior parte degli individui ha un pronunciato senso di sé.

Secondo gli insegnamenti buddisti, c’è un oceano di differenza tra individui che hanno un senso di sé e il concetto di un sé inerentemente esistente. Il buddismo accetta che un senso del sé è essenziale se la società deve funzionare efficacemente. Ad esempio, la maggior parte delle delucidazioni delle pratiche di amorevole gentilezza e compassione – due aspetti fondamentali degli insegnamenti buddisti – si basano sul presupposto che c’è sia un donatore (cioè, il sé) sia un ricevitore (cioè, l’altro). Se il Buddha storico non avesse avuto un senso di sé che gli avesse permesso di identificare che il suo livello di intuizione spirituale era in qualche modo diverso dalla maggior parte dei suoi seguaci, è ragionevole supporre che non avrebbe sentito la necessità di esporre un percorso per superare la sofferenza e l’ignoranza.

Tuttavia, anche se gli esseri nella fase di illuminazione hanno un senso di sé (e comprendono appieno che questo senso di sé è necessario per poter funzionare efficacemente nel mondo), sono anche pienamente consapevoli che il “sé” è un’illusione. La ragione perché il buddismo insegna che il sé è un’illusione riguarda il principio del vuoto, che afferma che gli esseri (e tutti i fenomeni) esistono soltanto come costrutti che sono interdipendenti e mentalmente designati. Ad esempio, un fiore si manifesta nella dipendenza da acqua e aria, dall’atmosfera, dal calore del sole, dal seme da cui è cresciuto, dalle sostanze nutrienti nel terreno, dagli insetti e gli animali che morirono e si decomposero al fine di produrre tali sostanze nutritive e così via. Di conseguenza, il fiore non esiste isolato da tutti gli altri fenomeni, ed è privo di un sé indipendente e intrinsecamente esistente. Così, come abbiamo discusso nel nostro post di stile Zen il Sogno o la Realtà, I fenomeni certamente sembrano essere reali, ma il modo in cui sono percepiti in realtà non equivale al modo in cui esistono veramente.

Sia gli esseri illuminati sia quelli non illuminati hanno un senso del sé, ma una differenza fondamentale tra questi due tipi di essere è che questi ultimi sono presi dalla convinzione che essi esistono intrinsecamente. Come abbiamo discusso nel nostro post sulla decostruzione del sé, a causa di una convinzione saldamente incorporata (ma scientificamente e logicamente non plausibile) che il sé è un’entità inerente e indipendentemente esistente, il Buddismo afferma che gli stati mentali affliggenti nascono come conseguenza dell ‘”io” figurative, desiderando incessantemente degli oggetti che ritiene di essere attraenti o provando avversione verso gli oggetti che ritiene  essere poco attraenti. Nel nostro lavoro accademico abbiamo defenito questa condizione dipendenza ontologico, per precisare è “la mancanza di volontà di rinunciare a una credenza erronea e radicata in un ‘sé’ inerentemente esistente o ‘io’ e la ‘funzionalità ridotta’ che nasce da questa convinzione “.

L’idea che al livello ultimo non esiste una cosa come un sé che esiste intrinsecamente può essere un concetto difficile da digerire. Tuttavia, di recente sono stati condotti esperimenti scientifici che sembrano aggiungere credibilità alla validità del concetto del vuoto. Ad esempio, uno studio pubblicato sulla rivista Nature nel 2010 ha dimostrato che una lama di metallo molto piccola di materiale semi-conduttore può essere fatta vibrare contemporaneamente in due differenti stati di energia. Questo è l’equivalente cinetico della materia simultaneamente esistente in due posti diversi e dimostra che a livello sub-atomico, le particelle (e qualsiasi proprietà di sé che essi potrebbero possedere) non possono mai essere localizzato nello spazio o nel tempo (cioè, esistono da nessuna parte e ovunque nello stesso momento).

Utilizzare le tecniche di neuroimaging per esplorare dove e come si regolano processi autoreferenziali è importante per far progredire la comprensione scientifica del cervello umano. Tuttavia, dal punto di vista buddista, la coscienza e il sé sono assenti di esistenza intrinseca ed è altrettanto corretto affermare che risiedono sia all’interno del cervello che fuori del cervello. Pertanto, secondo la teoria buddista, i tentativi da parte di alcuni scienziati di identificare la posizione specifica di sé o della coscienza nel cervello potrebbe essere considerato un tentativo un po’ inutile.

 

Ven Edo Shonin & Ven William Van Gordon

Ulteriore lettura

Kelley, W.T., Macrae, C.N., Wyland, C., Caglar, S., Inati, S., & Heatherton, T.F. (2002). Finding the self? An event-related fMRI study. Journal of Cognitive Neuroscience, 14, 785-794.

Heatherton, T. F., Macrae, C. N., & Kelley, W. M. (2004). What the social brain sciences can tell us about the self. Current Directions in Psychological Science, 13, 190-103.

O’Connell, A.D., Hofheinz, M., Ansmann, M., Bialczak, R.C., Lenander, M., Lucero, E. …. & Cleland, A.N. (2010). Quantum ground state and single-phonon control of a mechanical resonator. Nature, 464, 697-703.

Shonin, E., & Van Gordon, W. (2014). Dream or reality? Philosophy Now, 104, 54.

Shonin, E., & Van Gordon, W. (2014). Searching for the Present Moment. Mindfulness, 5, 105-107

Turk, D. J., Heatherton, T.F., Kelley, W.M., Funnell, M.G., Gazzaniga, M.S., & Macrae, C. N. (2002). Mike or me? Self-recognition in a split-brain patient. Nature Neuroscience, 5, 841–842.



Categories: Italiano, Research

Tags: , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,

1 reply

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s

%d bloggers like this: